Mi chiamo Alessandro Giungi, nato nel 1970 a Milano, città in cui ho sempre vissuto.
Sono sposato da dieci anni con Angela e papà di due splendidi bimbi: Leonardo e Andrea.

Svolgo la professione di Avvocato e sono volontario di diverse associazioni che si occupano di emergenza abitativa, sostegno all’infanzia e accoglienza. La mia professione e il mio impegno nel sociale mi mettono quotidianamente in relazione con situazioni di particolare fragilità, che affronto cercando di dare sempre una mano e un aiuto.

Sono stato eletto, per il Partito Democratico, consigliere comunale a Milano, ruolo che ho ricoperto dal 2013 al 2016, ottenendo il 100% di presenze in Consiglio comunale. Inoltre sono stato nominato presidente della Sottocommissione Carceri.

Alle elezioni amministrative del 2016 a Milano mi sono ripresentato per il Partito Democratico, risultando il primo dei non eletti. Dal maggio del 2018 sono tornato a ricoprire la carica di Consigliere Comunale, avendo preso il posto di una Collega eletta in Consiglio regionale.

Alle elezioni regionali lombarde del 2018, mi sono presentato candidato al Consiglio regionale, con l’obiettivo di portare in Regione il tema a me più caro: l’assistenza verso bambini, anziani e persone in emergenza abitativa. Senza dimenticare i diritti da garantire a chi è più facilmente oggetto di campagne denigratorie e razziste, a partire dalle persone detenute e dai richiedenti asilo.

Nel 2017 ho scritto un libro: “Manuale elettorale per candidati marxiani”, in cui con un po’ di ironia autobiografica ho ricordato la mia esperienza politica in Consiglio comunale, anche provando a spiegare come poter essere eletti ad una carica di amministratore pubblico, contando su una campagna elettorale con poche risorse ma tanto entusiasmo e passione.

Ricordando che “In ogni epoca gli esempi più vili della natura umana si possono trovare tra i demagoghi”
(Thomas Macaulay).